Home » Infrastrutture e sicurezza

Infrastrutture e sicurezza

Progettazione e gestione delle infrastrutture

Le attività di Sysma sono rivolte alla progettazione, gestione, manutenzione e controllo delle infrastrutture per i trasporti, intese come insieme integrato da mettere in relazione funzionale con la domanda di trasporto, il fattore umano, la sicurezza della circolazione, l’impatto sull’ambiente e l’efficacia economica degli interventi.

I campi di azione della società sono:

  • Sistemi ferroviari, metropolitani e tranviari
  • Strade ed autostrade
  • Sistemi di mobilità urbana e di trasporto pubblico
  • Sistemi di trasporto integrato

Il metodo di approccio si basa su una visione sistemica e integrata, che trova riferimento nella esplicitazione delle seguenti attività:

  • analisi della domanda di trasporto ai fini progettuali
  • ricerca della massima sicurezza di circolazione
  • ottimizzazione dell´inserimento ambientale e territoriale
  • determinazione dell´efficacia economica e strategica degli interventi
  • introduzione del criterio di qualità del progetto e delle opere.
  • programmazione degli interventi di manutenzione

La possibilità di avvalersi di avanzati strumenti di modellistica, progettazione e simulazione dei sistemi in analisi ed il continuo aggiornamento del proprio personale grazie ad un’intensa collaborazione con l’università permettono alla struttura di fornire un servizio fortemente orientato ai principi della mobilità sostenibile.

Sicurezza stradale

L’impegno di Sysma è quello di diffondere la cultura della sicurezza stradale inserendo all’interno delle proprie attività di pianificazione, progettazione e gestione tutte quelle misure ritenute efficaci a permettere agli utenti della strada la migliore comprensione dell’infrastruttura su cui viaggiano e la coscienza della necessità di seguire le necessarie norme di sicurezza. In tale contesto, Sysma è impegnata nelle seguenti attività:

  • contribuire a prevenire gli incidenti stradali grazie alla proposizione di interventi di riqualificazione delle infrastrutture in modo da ridurre al minimo i rischi di incidente e la loro gravità, favorendo lo sviluppo e l’attuazione di tecnologie che permettano di ridurre le conseguenze degli incidenti stradali;
  • utilizzare le attività di pianificazione della mobilità come punti di riflessione sulla sicurezza stradale accentuando le peculiarità di alcune scelte tecnico-politiche che possano permettere di rendere gli spostamenti urbani ed extraurbani sempre più sostenibili e sicuri;
  • trasformare le proprie esperienze e conoscenze tecniche relative alle cause, circostanze e conseguenze degli incidenti in moduli di formazione rivolti ai diversi attori della strada (gestori, tecnici, utenti esperti, giovani utenti,..).

In tal contesto, all’interno della struttura, sono presenti le professionalità per effettuare controlli di tipo preventivo del livello della sicurezza stradale con modalità conformi alle indicazioni delle “Linee Guida per le Analisi di Sicurezza delle Strade”, pubblicate dal Ministero dei Lavori Pubblici - Ispettorato Generale per la Circolazione e la Sicurezza Stradale con la Circolare n.3699 del 8 giugno 2001. Si tratta di procedure formali e sistematiche tramite le quali un indipendente e qualificato gruppo di esaminatori riferisce sui potenziali pericoli di incidente e sulle prestazioni in termini di sicurezza degli elementi componenti una rete stradale (rami e nodi). Il criterio informatore dell’analisi di sicurezza è la prevenzione. L’analisi, infatti, consiste in un controllo preventivo prima che la strada sia aperta al traffico (Safety Audit del progetto) o prima che l’incidente si sia manifestato (Safety Review delle strade esistenti).

Il problema viene affrontato dal punto di vista dell'utenza e cercando di indagare, attraverso un processo di confronto fra i giudizi espressi da un gruppo di esperti, le modalità con cui lo spazio stradale viene percepito, interpretato ed utilizzato dai diversi utenti che ne fruiscono nei diversi modi. L’operato del gruppo di esaminatori si estrinseca nella redazione di un rapporto d’analisi che identifica le problematiche di sicurezza riscontrate formulando criteri generali e proposte operative per il loro superamento o attenuazione al fine di migliorare le caratteristiche di sicurezza dei luoghi e dei progetti analizzati attraverso una strategia unitaria che coordini in modo congruente i differenti interventi. La procedura può essere applicata alle diverse fasi progettuali previste dalla normativa vigente con livelli di approfondimento ovviamente diversi.

La Sysma Systems Management è firmataria, all’interno della Commissione Europea, della Carta europea della sicurezza stradale, il cui obiettivo consiste nel contribuire a limitare il numero delle vittime della strada.

Manutenzione e controllo

La conoscenza dello stato delle infrastrutture è la condizione necessaria per poter programmare gli interventi di manutenzione a breve, medio e lungo termine nell’ambito di una procedura di gestione sistematica (Road Management System, RMS) che consenta di ottimizzare le risorse disponibili, garantendo sempre il mantenimento di standard funzionali e di sicurezza adeguati.

I sistemi di programmazione delle attività di manutenzione, sviluppati dalla società ed integrati con sistemi di ampia diffusione presenti sul mercato, hanno lo scopo di assistere gli enti gestori nella pianificazione degli interventi sulla rete infrastrutturale di propria competenza o su parte di essa, al fine di ottimizzare le risorse disponibili utilizzando moderne tecniche di analisi multicriteriale piuttosto che le tradizionali tecniche di analisi costi-benefici. La progettazione di tali sistemi di supporto alle decisioni è frutto di un’attenta analisi delle esigenze del committente, così da realizzare strumenti già integrati con le peculiarità di gestione dell’ente. L’utilizzo dei sistemi informativi geografici (GIS) per la visualizzazione ed il trattamento dei dati accresce le potenzialità dei sistemi implementati.

L’esperienza della società è specificatamente indirizzata ai sistemi di gestione delle pavimentazioni (Pavement Management System, PMS), per la realizzazione dei quali si avvale di importanti collaborazioni con il mondo universitario italiano ed anglosassone. Gli ultimi processi di sviluppo in tale settore hanno permesso di implementare una procedura che permette agli enti locali, in presenza di ridotte disponibilità di fondi, di utilizzare una specifica applicazione (Pavement Management System Local Agency, PMSla) basata sul rilievo visivo del degrado delle pavimentazioni per la pianificazione degli interventi di manutenzione.

In tale contesto la Sysma, inoltre, offre consulenze specializzate per il rilievo e monitoraggio delle condizioni strutturali e funzionali delle pavimentazioni stradali (mediante l’utilizzo di apparecchiature ad alto rendimento quali Falling Weigth Deflectometer, SCRIM, Grip Tester,..), per la predisposizione di Capitolati di Appalto in ottemperanza alle nuove norme europee sui materiali stradali ed alla Direttiva Europea sui materiali da costruzione, nonché formazione tecnica specialistica nel settore delle costruzioni stradali, con particolare riferimento alle problematiche di gestione della manutenzione e dei controlli di qualità sia attraverso le prove in sito che di laboratorio.